martedì 13 settembre 2011

Per quanto tempo assumere gli Omega 3?


Se hai deciso di integrare la tua dieta con gli Omega 3 probabilmente sei anche interessato a sapere per quanto tempo assumerli. Non sei l’unico a porti questa domanda, per questo abbiamo ritenuto opportuno scrivere un post specifico sull’argomento.

Prima di tutto è necessario mettere in chiaro 3 punti chiave del discorso:

Il tipo di integratore che stai assumendo
Il motivo per cui hai deciso di integrare la tua dieta con gli Omega 3
Quanto afferma lo scienziato ad oggi ritenuto uno dei massimi esperti in materia di Omega 3: Barry Sears.


1° punto. Se hai acquistato un “qualunque” integratore e per qualunque intendiamo un integratore senza certificato IFOS sul lotto di produzione in tuo possesso (e quindi in sostanza non hai seguito le 7 regole per scegliere il migliore), allora sappi che è prudente non assumere a lungo l'integratore e fare delle pause tra un ciclo di integrazione e l’altro.

Perchè? Il motivo è che l’integratore che stai assumendo potrebbe non essere dello stesso, alto livello di purezza di quelli che invece sono provvisti di certificato IFOS. Il programma IFOS ricordiamo è un’autorità in materia di certificazione di qualità degli Omega 3, ma pochissime aziende hanno la sua certificazione e ancora meno sono quelle che fanno analizzare - TUTTI - i lotti di produzione (per saperne di più leggi: Omega 3 con certificato 5 Stelle IFOS)

Quindi se NON hai la sicurezza di assumere un integratore purissimo di qualità superiore con certificato IFOS sul lotto da te acquistato, potresti correre il rischio di accumulare gradualmente le sostanze tossiche presenti nell’olio di pesce di scarsa qualità (mercurio organico, diossina, pcb, arsenico ecc.) e quindi... è più che opportuno non assumerlo a lungo, e fare delle lunghe pause tra un ciclo di integrazione e l'altro.

Passiamo al 2° punto: il motivo per cui stai assumendo Omega 3. Se hai maturato la decisione di integrare la tua alimentazione per una questione di "benessere", in assenza di disturbi, potresti permetterti delle pause tra un ciclo d'integrazione e l’altro.

Però devi valutare con attenzione se le tue condizioni fisiche cambiano in considerazione del fatto:
  • che ha davvero senso parlare di integrazione “benessere” se hai assunto l’equivalente di 2,5 grammi di EPA e DHA al giorno per almeno 30 giorni di seguito
  • che gli effetti maturano dopo circa 30 giorni dall’inizio dell’integrazione
  • che gli stessi regrediscono all'incirca nello stesso arco di tempo (30 giorni) dal momento in cui ne interrompi l'assunzione.
In base a questo possiamo dire che:
  1. Se puoi stabilire che aver interrotto l’integrazione ti porta dopo 30 giorni a una regressione dei miglioramenti conseguiti... con ogni probabilità hai bisogno degli Omega 3 e quindi è opportuno che tu prosegua per periodi integrazione più lunghi (eventualmente valutando con più attenzione la tua dose personalizzata con il famoso dosaggio ematico di AA e EPA).
  2. Se invece l’interruzione dell’integrazione non cambia la tue condizioni generali (fisiche e mentali) allora forse non hai bisogno di Omega 3 oppure ne hai assunti in quantità inferiore alle richieste del tuo organismo e quindi per avere dei benefici tangibili ne devi assumere di più (eventualmente valutando la tua dose personalizzata con il famoso dosaggio ematico di AA e EPA).

Invece nel caso in cui hai deciso di assumere Omega 3 sulla base di uno specifico problema di salute allora ci colleghiamo al 3° e ultimo punto prendendo in considerazione quanto afferma Barry Sears, padre della Dieta a Zona e uno dei massimi esperti sull'argomento.

A questo riguardo, a titolo d'esempio, Sears cita uno studio pubblicato nel 2007 condotto su bambini affetti da disturbo dell’attenzione e iperattività (ADHD) già in cura con farmaci. Lo studio durato 8 settimane fu condotto somministrando ben 15 grammi al giorno di EPA e DHA per 4 settimane, quindi fu interrotto e 4 settimane dopo furono valutati nuovamente gli indici AA e EPA.

Durante lo svolgimento dello studio e al termine furono condotte valutazione psichiatriche per stabilire il livello del miglioramento comportamentale nei bambini. Ebbene dopo 30 giorni di somministrazione il rapporto AA/EPA si normalizzò e le valutazioni registrarono miglioramenti stupefacenti nel comportamento dei bambini.

Ma dopo 30 giorni dall’interruzione il rapporto AA/EPA peggiorò nuovamente e i miglioramenti comportamentali regredirono. Da ciò se ne deduce che qualora si sia assunto Omega 3 per trattare specifiche condizioni o disturbi può essere necessario protrarre molto a lungo l’integrazione pena la perdita dei benefici conseguiti.

P.S.
Qui trovi un integratore di Omega 3 che puoi assumere tutti i giorni per lunghi periodi che risponde ai più elevati standard di Purezza, Sicurezza, Efficacia e Garantito dai Certificati 5 Stelle IFOS su tutti i lotti di produzione: