mercoledì 26 ottobre 2011

Dieta, sport, invecchiamento... fai il pieno di Omega 3


Stai seguendo un dieta per dimagrire? Pratichi sport? Oppure più semplicemente gli anni passano e l’età avanza? Allora c'è una cosa che devi sapere: in questo caso è bene che tu assuma Omega 3.

Questo è quanto suggerisce uno studio*
clinico condotto da ricercatori della Washington University School of Medicine e recentemente pubblicato sulla rivista scientifica American Journal of Clinical Nutrition.

I ricercatori hanno scoperto che integrando
per 8 settimane con 4 grammi di Omega 3 al dì, la dieta di 16 persone di età compresa tra i 16 e gli 85 anni, si assisteva ad un incremento della sintesi di proteine muscolari costituenti appunto il muscolo.

Questo effetto i ricercatori sostengono
si sia prodotto in virtù delle proprietà anti infiammatorie degli Omega 3 e del fatto che gli Omega 3 rendono i muscoli più ricettivi all’azione svolta dall’insulina, che aumenta l’ingresso degli aminoacidi (i mattoni delle proteine) nel muscolo.

Detto questo le tre condizioni cui si accennava all’inizio:
dieta, sport e… invecchiamento, sarebbero le più comuni che richiederebbero un maggiore apporto di Omega 3, proprio per il fatto che in tutte e tre si verifica perdita di massa magra, in altri termini di tessuto muscolare.

Infatti è noto l’effetto prodotto da una comune dieta
dimagrante: i chili di troppo scendono, ma la riduzione di peso si verifica non solo perché cala il grasso corporeo, inevitabilmente il peso scende perché l’organismo fa fronte alle sue necessità energetiche cannibalizzando una quota variabile di massa muscolare (a seconda del tipo di dieta e delle attività svolte quotidianamente).

Anche chi pratica sport va incontro a un certo grado
di deplezione di tessuto muscolare a causa principalmente della maggiore produzione di radicali liberi e dell’infiammazione di vario grado che si genera nel muscolo sotto sforzo a seguito di microtraumi o di traumi di maggiore entità.

La terza condizione presa in considerazione
in modo più specifico nello studio riguarda l’avanzare degli anni e l’invecchiamento in generale. Nell’organismo umano avvengono continuamente processi di costruzione e demolizione delle strutture cellulari.

In giovane età, in fase di sviluppo, prevalgono i processi di costruzione (anabolici), mentre nell’età adulta, via via col passare degli anni e in modo sempre più marcato, tendono a prevalere quelli di demolizione (catabilici).


Anche la massa magra muscolare è soggetta
al maggiore catabolismo cellulare che si verifica con l’invecchiamento, perciò anch’essa tende a ridursi lentamente e progressivamente considerando anche la sedentarietà, la riduzione dell’appetito e il cambiamento delle abitudini alimentari tipici dell’anzianità.

A tal proposito gli stessi ricercatori indicano
precisamente che la riduzione della massa muscolare è stimabile attorno allo 0,2-0,5% all'anno dai 60 anni di età nei soggetti sani e una maggiore suscettibilità a contrarre patologie è dimostrabile già con una perdita del 5% di massa muscolare.

Per questo motivo i trattamenti
che possono impedire o frenare la perdita della massa muscolare sono particolarmente importanti, inclusi quelli semplici e alla portata di tutti come l’integrazione quotidiana con
quantità adeguate di Omega 3.

Quindi da oggi in poi se sei a dieta,
se pratica una qualsiasi attività sportiva oppure se gli anni ti passano come… un comune mortale… integra la tua alimentazione con gli Omega 3!


Attenzione! Al link indicato sotto trovi - ancora per pochi giorni - in Offerta Prova un integratore di Omega 3 di qualità assoluta:

ai vertici di categoria
noto da anni agli specialisti di settore
che puoi assumere tutti i giorni anche per lunghi periodi
che risponde ai più elevati standard di Purezza, Sicurezza, Efficacia
garantito dai Certificati 5 Stelle IFOS su - tutti - i lotti di produzione

Clicca ORA su: ZonaOmega3.it


*rif: "Dietary omega-3 fatty acid supplementation increases the rate of muscle protein synthesis in older adults: a randomized controlled trial" Am J Clin Nutr February 2011 93: 402-412; First published online December 15, 2010. doi:10.3945/ajcn.110.005611