sabato 21 gennaio 2012

Ansia giù del 20% con gli Omega 3



Una ricerca americana* pubblicata sulla rivista scientifica "Brain, Behavior and Immunity" ha mostrato come gli Omega 3 sono in grado di ridurre l'ansia del 20%.

Lo studio scientifico randomizzato in doppio ceco è durato 12 settimane e ha valutato 68 studenti universitari iscritti alla facoltà di medicina. Divisi in 2 gruppi, al primo è stato somministrato quotidianamente un integratore contenente 2,5 grammi di Omega 3 (la dose "standard", "benessere" di cui parla Barry Sears); al secondo, che costituiva il gruppo di controllo per valutare effetto ed efficacia degli Omega 3 per raffronto, è stato somministrato un semplice placebo.

Analisi del sangue seriali sono state effettuate sia durante i normali periodi di studio a basso stress sia durante i giorni precedenti le prove d’esame universitarie quando lo stress era particolarmente elevato.

I risultati della ricerca hanno evidenziato che il gruppo di studenti che assumeva Omega 3 aveva non solo indici di infiammazione più bassi, ma anche livelli d’ansia inferiori del 20% rispetto agli studenti del gruppo di controllo che avevano assunto il placebo.


Nelle conclusioni delle studio i ricercatori incoraggiano ad aumentare l’apporto di Omega 3 attraverso la dieta, ancorché con l’uso di integratori, anche se alcuni di essi ammettono di usare proprio integratori di Omega 3. Noi di Zona Omega 3 aggiungiamo che è proprio questa un’altra importante quanto implicita conclusione a cui è giunto lo studio scientifico.

Se vogliamo toccare con mano i benefici degli Omega 3, è inevitabile fare ricorso agli integratori (come del resto hanno ammesso di fare alcuni degli stessi ricercatori) e questo per almeno due importanti motivi.

Il primo è che per assumere la stessa quantità di omega 3 impiegata nello studio dovremmo magiare pesce in quantità tutti i giorni e questo, benché auspicabile, è molto difficile da mettere in pratica (per motivi economici, per abitudini e gusti personali).

Il secondo motivo è che tra i pesci più ricchi di omega 3 (a cui necessariamente dovremmo far ricorso) ci sono anche quelli che hanno un considerevole quantitativo di mercurio organico (come si è discusso precedentmente nel post: assumere omega 3 mangiando pesce?), nota sostanza inquinante dei mari, alla lunga nociva per la salute.

Purtroppo il mercurio organico non è la sola sostanza tossica presente nel pesce, ve ne sono anche altre altrettanto pericolose quali: arsenico, diossina, furani, pcb, piombo ecc. ecc.


In definitva quindi è praticamente inevitabile ricorrre agli integratori. Ma NON integratori qualsiasi, solo quelli che ci danno riconosciute garanzie di qualità come possono esserlo i certificati 5 stelle IFOS. Questo per essere sicuri di assumere omega 3 in tutta sicurezza senza correre il rischio di assumere contemporaneamente anche le sostanze tossiche che abbiamo elencato.

Ad oggi nella miriade di prodotti disponibili sul mercato italiano, un integratore professionale che risponda a requisiti di superiore purezza, concentrazione, qualità, garantito dai certificati di qualità IFOS su tutti i lotti di produzione è il See Yourself Well™ Omega 3. Da anni apprezzato a livello internazionale dagli esperti di settore per l’elevato livello qualitativo.

Gli Omega 3 See Yourself Well™ sono da poco disponibili anche in Italia presso il sito www.zonaomega3.it dove è possibile ordinarli per pochi giorni ancora in Offerta Prova!

Maggiori dettagli su: www.zonaomega3.it



*rif: Brain, Behavior and Immunity, volume 25, issue 8, pages 1725-1734