mercoledì 1 febbraio 2012

Pesce che muore e... Omega 3


I pesci stanno morendo. Per quale motivo e come può influenzare questo evento la qualità degli Omega 3? Forse non ti è mai arrivata questa notizia, ma in Atlantico al largo della costa orientale degli Stati Uniti si è verificato un fenomeno preoccupante che potrebbe coinvolgere chi fa uso di integratori di Omega 3.

Che cosa ha provocato la moria di pesci? Dare una risposta precisa a questo interrogativo non è facile. Sono state avanzate molte teorie a riguardo, ma stabilire con certezza quale abbia più fondamento delle altre è quasi impossibile.

Il fenomeno ha origini naturali? È provocato dall’uomo? Non lo sappiamo. Ma è sorprendente il fatto che anche i gabbiani in quell’area non si nutrono di pesce. C’è da chiedersi se questi volatili si tengono a distanza da qualcosa che noi non siamo in grado di comprendere.

Quel che sappiamo per certo però è che le misure messe in atto per porre rimedio alla fuoriuscita di petrolio verificatasi ad aprile 2010, a seguito dell’incidente della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon nel Golfo del Messico, hanno scatenato una pandemonio di polemiche riguardo l’uso di una sostanza chimica di nome Corexit impiegata per disperdere la marea nera.

Purtroppo ci sono studi* che sostengono che l'uso del Corexit abbia potuto arrecare spaventosi danni all’ecosistema marino. Il Corexit infatti non biodegrada il petrolio, piuttosto ne provoca la precipitazione sul fondale oceanico, dove in assenza di ossigeno la percentuale di degradazione è del tutto irrilevante.

Sono davvero i residui del Corexit con il petrolio depositato sui fondali, che stanno provocando la moria dei pesci? Nessuno può dirlo con certezza, anche se è sotto gli occhi di tutti la anomala coincidenza tra la più grave fuoriuscita di petrolio nella storia, l'uso di una sostanza chimica altamente “discutibile” e la moria di pesci.

Inoltre in che modo tutto questo può essere posto in relazione con gli integratori di Omega 3? Indubbiamente quanto accaduto solleva alcuni interrogativi circa l’uso di integratori di olio di pesce di cui si ignorano completamente le certificazioni di qualità e l’origine del pesce da cui viene estratto.

In questo blog molto è stato detto riguardo i rischi di contaminazione del pesce e dell’olio di pesce utilizzato nella produzione degli integratori di Omega 3 e quanto siano importanti le certificazioni di qualità che ne attestano la purezza.

Gli Omega 3 See Yourself Well™ ad esempio sono prodotti con il procedimento della distillazione molecolare multipla (a garanzia dei più elevati livelli di purezza), hanno su tutti i lotti di produzione la certificazione IFOS (che certifica la qualità) e traggono origine da pesce pescato nel Sud Pacifico, molto lontano dalle acque contaminate dalle sostanze chimiche impiegate per disperdere la marea nera nel Golfo del Messico.

Quindi possiamo concludere che conoscere la provenienza del pesce impiegato per produrre l’integratore di omega 3 che stiamo assumendo, può aiutarci ad avere qualche certezza in più sulla qualità del prodotto che abbiamo scelto per salvaguardare la nostra salute.

Attenzione! In scadenza l'Offerta Prova dei famosi Omega 3 See yourself Well™. Omega 3 professionali, puri, sicuri, concentrati, garantiti, certificati 5 stelle IFOS su tutti i lotti di produzione.


*rif:
"Fate of Dispersants Associated with the Deepwater Horizon Oil Spill". Environ. Sci. Technol., 2011, 45 (4), pp 1298–1306