venerdì 4 maggio 2012

Gli Omega 3


Buongiorno, sul vostro blog ho letto che gli omega 3 sono acidi grassi essenziali e che Barry Sears li consiglia in tante condizioni di salute. Posso assumerli mangiando alimenti che ne sono ricchi o devo per forza prenderli con gli integratori?

Grazie per la sua domanda. Gli Omega 3 sono definiti acidi grassi essenziali perché l’organismo non è in grado di produrli da solo, ma necessita di un apporto esterno per soddisfare le sue esigenze fisiologiche e metaboliche. Da questo punto di vista gli omega 3 sono simili ad alcune vitamine e alcuni aminoacidi essenziali di cui il corpo umano deve rifornirsi necessariamente con l’alimentazione.

Ci chiede se può assumere gli omega 3 mangiando alimenti che ne sono naturalmente ricchi. La nostra risposta è si, a patto che includa nella sua alimentazione molto regolarmente e spesso del buon pesce, in quantità generose, possibilmente fresco e di ottima qualità. Parliamo di pesce perché è l’alimento più facilmente reperibile e più ricco di omega 3, anche se in realtà ciò vale solo per alcune specie di pesce in particolare. 

A questo punto però ci troviamo di fronte ad un serio problema, a cui prima abbiamo solo indirettamente accennato: quello relativo alla qualità del pesce. Quanti di noi possono mangiare ottimo pesce fresco pescato dal mare davanti casa?  Purtroppo molti di noi non hanno questa fortuna e devono accontentarsi di pesce di imprecisata provenienza e dubbia qualità.

Questo non può non metterci in allerta, in quanto il pesce, abitante dei mari che si colloca piuttosto in alto nella catena alimentare, finisce con l’essere il ricettacolo di tante sostanze tossiche, mercurio, pcb, dissina, metalli pesanti che si depositano in mare inquinando l’ecosistema marino inclusi ovviamente i pesci.

In passato abbiamo dedicato un interessantissimo post al riguardo, in cui abbiamo provato ad incrociare i dati relativi ai pesci con maggiore contenuto di omega 3 e quelli relativi al contenuto di mercurio organico, una comune sostanza tossica che inquina i mari prodotto di scarto delle centrali elettriche a carbone (vedi il post: Omega 3 al mercurio. Attenzione!).

La tabella comparativa che ne abbiamo ricavato non è stata una delle più confortanti (veda il post: assumere omega 3 mangiando pesce?). Volendo prendere in considerazione il salmone, in natura uno dei pesci più ricchi di omega 3, facile da reperire al supermercato nelle pratiche vaschette d’affumicato, un’altra tegola può caderci in testa.

Il salmone infatti a meno che non sia pescato in mare aperto, è abitualmente allevato con pastoni vegetali ricchi di omega 6 (gli acidi grassi “nemici” degli omega 3 di cui l’alimentazione moderna, intrisa di olio vegetali, è fin troppo ricca). Ciò impoverisce di omega 3 la carne di salmone e l’ arricchisce di un altro acido potenzialmente pericoloso per la nostra salute (vedi il post: un pericoloso acido si nasconde nel pesce).

Nella sua domanda fa riferimento a Barry Sears. Sears è lo scienziato noto per aver ideato la dieta a zona e aver studiato in modo meticoloso le proprietà degli Omega 3 (per sapere chi è Barry Sears veda il post: omega 3, dieta a zona, Barry Sears). Sicuramente dobbiamo a Sears il merito d'aver portato alla ribalta le tante possibili applicazioni degli omega 3 nell’ambito della salute e del benessere.

Uno dei libri più famosi e importanti di Sears “La Zona Omega 3rx” descrive le eccezionali quanto incredibili potenzialità terapeutiche degli omega 3 e fornisce non solo precise indicazioni sulle dosi da impiegare in diverse condizioni di salute, ma anche come tarare con precisione l’apporto di omega 3 nel corso del tempo.

In seguito Sears nel suo ultimo “Magri per Sempre” ha semplificato le indicazioni riguardo il fabbisogno di Omega 3, elaborando una preziosissima tabella riassuntiva sulle quantità di omega 3 più idonee in differenti condizioni fisiche e di salute (vedi il post: quanto omega 3 assumere tutti i giorni?).

Bene, stando alle indicazioni fornite da Barry Sears, la quantità di omega 3 “entry-level”, la minima da assumere in condizioni di pieno benessere, corrisponde a 2,5 grammi di omega 3 Epa e Dha al giorno. Questa quantità di Omega 3, crediamo onestamente sia difficile da assumere mangiando solo ed esclusivamente pesce tutti giorni, considerando anche le incognite rappresentate dalla qualità del pesce come accennato sopra.

Ora abbiamo motivo di ritenere, date le prove sperimentali fornite dallo stesso Sears, che le quantità da lui suggerite siano quelle più adeguate a farci toccare con mano i benefici più comuni attribuiti alla regolare assunzione di Omega 3. Purtroppo, come dicevamo, può diventare impresa ardua e non priva di rischi se vogliamo coprire l’intero fabbisogno di omega 3 consigliato da Sears mangiando solo ed esclusivamente pesce.

Ciò da una parte non deve scoraggiarci dal consumare pesce, utile sempre per dare varietà nutrizionale alla nostra dieta, ma deve anche indurci a considerare che fare ricorso agli integratori può rendersi necessario se vogliamo davvero sperimentare buona parte dei benefici che gli omega 3 sono in grado di produrre per la nostra salute.

Vogliamo concludere ricordando che gli integratori di Omega 3 non sono assolutamente tutti uguali, che voler raggiungere la quantità di 2,5 grammi di Epa e Dha al giorno, impiegando un comune integratore privo di adeguata certificazione di qualità, può rivelarsi addirittura controproducente per la nostra salute.

Per questo motivo Barry Sears si è fatto carico di stabilire anche quali fossero le caratteristiche qualitative (vedi: omega 3 con certificato IFOS) necessarie per definire un omega 3 puro, concentrato, sicuro anche in caso di assunzioni per lunghi periodi di tempo alle dosi da lui indicate.

Noi di Zona Omega 3 abbiamo preso le indicazioni fornite da Barry Sears e le abbiamo in qualche modo completate stilando una breve "Guida in 7 punti", utile per avere la matematica certezza di scegliere il migliore integratore di Omega 3 evitando di sprecare soldi in prodotti di dubbia qualità. Per questo le suggeriamo di vedere il post: Omega 3. 7 Regole per scegliere il migliore.

ATTENZIONE! In scadenza l’offerta Prova degli Omega 3 See Yourself Well™, omega 3 professionali che centrano e superano le caratteristiche di purezza, concentrazione, qualità indicate da Barry Sears. 

Clicca qui: ZonaOmega3.it